Bologna web project 2014…nuove tendenze di Web Marketing

Strumenti Web Marketing

Ho partecipato al Bologna Web Project 2014 e vorrei condividere alcune tendenze emerse, perché non si smette mai di imparare dagli altri, specie se si tratta di donne molto motivate e ben inserite nel contesto del web marketing.
Ecco dunque una carrellata sparsa di concetti elargiti dalle relatrici, non si tratta ovviamente di un riassunto di tutti gli interventi, ma solo di appunti presi e quindi sicuramente non esaustivi di tutto ciò che è stato detto.

Partiamo da Debora del Cortona, secondo cui ogni nuovo progetto di web marketing parte dalla classica stretta di mano a cui subito dopo segue una ricerca di parole chiave, e quale strumento migliore del noto Tool di Google?
E’ stata ricordata l’importanza delle immagini che Google comincia a premiare sempre più nelle sue ricerche. L’immagine che spesso si trova in posizione dominante, dovrebbe contenere una call to action anche solo di tipo grafico, in questo modo potrà incentivare l’interazione dell’utente.
Per Google restano fondamentali per la SEO, Title e Description, ma oltre questo è stato anche segnalato un tool  molto importante “Google SERP Snippet optimation tool”.
Non è necessario essere degli esperti Seo per ottenere dei risultati utilizzando questi strumenti, però è sicuramente meglio approfondire leggendo libri dedicati al settore.
Comunque per aiutare visibilità e posizionamento è stato consigliato di avvalersi di blogger referenziati e con author in serp!

Passiamo ora ai video con l’intervento della vulcanica Anna Covone, che avrebbe avuto bisogno sicuramente di più tempo, tanti erano i concetti da memorizzare.
Si è partiti comunque dal fatto ormai evidente che il video in rete è esploso, rappresenta la nuova frontiera del web marketing anche se ancora piuttosto sotto utilizzato dalle aziende. E’ emerso che durante il 2012 su milioni di keywords rappresentative, 8 video su 10 provenivano da Youtube, che l’84% presentavano keyword informative, un’enormità rispetto alle keyword transazionali, decisamente più difficili da posizionare. Ogni giorno su Facebook vengono guardati 500 anni di video youtube, un dato piuttosto impressionante.

Poi la relatrice ha elencato una serie tips & tricks sull’uso dei video, eccone alcuni.
Il video deve essere considerato un investimento a lungo termine, deve essere fatto bene (possibilmente in HD) altrimenti rappresenta solo uno spreco di soldi, deve avere una precisa strategia alla base. I video di prodotto su youtube non sempre sono efficaci, anzi, solo in pochi riescono a sfondare. Magari funzionano meglio su Pinterest, perché anche se in pochi vi pubblicano video, questo social network è adattissimo anche per questa funzione, consentendo anche una grande viralità.
In fin dei conti è emerso che per le aziende il video marketing può creare grandi opportunità, ha il grande pregio di essere uno strumento veloce in grado di portare il messaggio in real time, se fatto bene consente di raccogliere frutti migliori rispetto a tanti altri strumenti di marketing.

Al Bologna Web Project si è parlato poi delle variabili che decretano il successo di un sito grazie all’intervento di Francesca Storti, la quale ha presentato case history relative al settore turistico. Si è partiti anche qui dal concetto base che il sito è uno strumento per raggiungere gli obiettivi di business e che i KPI, se opportunamente selezionati, ci permettono di analizzare se stiamo centrando gli obiettivi o meno, e quindi di ritarare le nostre scelte. Nel 2014, ancor più che negli anni passati, gli utenti consulteranno un sito attraverso dispositivi diversi prima di effettuare una qualsiasi scelta. Il 2014 sarà l’anno in cui incrementare il traffico al sito tramite un accurato utilizzo dei Social Media. Crescerà Google Plus che diventerà sempre più importante e presente, anche in ottica di Google Places, Google Carousel e Google Now.
L’argomento Google+, di una bravissima Michaela Matichecchia, necessiterà però di un capitolo a parte!

L’ultimo tema che invece vorrei trattare è quello relativo al Blogging e all’importanza dei contenuti in una strategia di web marketing, argomento molto ben evidenziato da Beatrice Niciarelli. Si è partiti da un dato molto importante, nel 2013, il 43% delle aziende ha ricevuto contatti grazie al blog aziendale, che si posiziona quindi subito dopo Facebook per l’acquisizione di clienti. Le aziende che bloggano generano il 55% in più di traffico al proprio sito web, dati sicuramente molto interessanti!

Spunto finale è relativo ad una semplice domanda: ma cosa significa bloggare? Sicuramente stabilire degli obiettivi e cercare di raggiungerli, non pensare al mero profitto e quindi scrivere per gli utenti dando loro sempre qualcosa di utile. La reputazione è un elemento chiave che va costruito sia col blogging sia attraverso i Social Media…

Siamo quindi tutti avvisati, le tendenze di web marketing includono ancora concetti  fondamentali come: strategie, obiettivi,contenuti, reputazione, coinvolgimento, interazione…e voi avete qualcosa da aggiungere a questa lunga carellata?

 

 

 

Potrebbero interessarti anche...

9 Risposte

  1. DONATO ha detto:

    Articolo molto interessante, grazie.
    Donato

  2. elena ha detto:

    complimenti per l’articolo!
    traspare tutto quello che il web offre 🙂

    da condividere
    buona pasquetta 😀

    • Paola Frateschi ha detto:

      Grazie per l’apprezzamento, in realtà non ho trattato proprio tutti gli argomenti, per esempio ho tralasciato il tema Google Plus, che mi riservo di approfondire a parte. Temevo infatti di mettere troppa carne al fuoco, comunque non appena pubblico il post lo condividerò molto volentieri 😉

  3. Grazie Paola per la condivisione.. per chi non ha potuto partecipare all’evento è ORO! 🙂
    Volevo chiederti se Debora (che saluto) si era soffermata su come ricercare autori con author rank alto oppure no.. sarebbe interessante.. 🙂

    • Paola Frateschi ha detto:

      Grazie Michele, in effetti l’evento è stato molto ricco di spunti e poi tutte le relatrici sono state davvero brave a condensare tanti concetti tutto sommato in poco tempo, anche se il workshop è durato tutta una giornata.

      Per quanto riguarda l’intervento di Debora, ti confermo che è stato molto interessante in quanto incentrato sullo spiegare l’evoluzione di un progetto di web marketing aziendale. La ricerca di blogger in target rientra proprio in un’esigenza di aumentare sia la visibilità sia il posizionamento di un sito. In questo senso aiuta il fattore authorship, più è alto più il contributo dell’autore/autrice aiuta a spingere il sito collegato. Gli autori e blogger influenti hanno la capacita’ non solo di scrivere contenuti di qualità, ma hanno anche accesso a canali attraverso cui diffondere questi contenuti!

  4. Mosaiko Web ha detto:

    Bell’articolo e molto interessante. Noi riteniamo che per effettuare un buon marketing on-line si debbano tenere presente 5 punti fondamentali: analisi delle problematiche, porre degli obiettivi, sviluppo, verifica e miglioramento.

  1. 17 aprile 2014

    […] Bologna Web project 2014 e le nuove tendenze del web marketing grazie ad un panel di sole donne esperte di web e social media marketing  […]

  2. 19 aprile 2014

    […] “ Bologna Web project 2014 e le nuove tendenze del web marketing grazie ad un panel di sole donne esperte di web e social media marketing”  […]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.