Pinterest: il visual social network per il business

pinterest-insocialmedia

Pinterest è un visual social network relativamente nuovo, diventato popolare rapidamente dal suo lancio nel 2010. È una piattaforma di immagini utilizzata per idee o progetti di business, è anche un motore di ricerca fotografico nel quale trovare ispirazione da contenuti inerenti ad una moltitudine di topic. Il suo nome unisce le parole pin e interest “appendere un interesse”, permette dunque agli utenti di creare bacheche per la gestione, la raccolta e l’organizzazione di immagini.

Come tutti i social media, accedendo appare lo stream degli utenti seguiti, è possibile condividere e interagire con gli altri pinner tramite commenti, like, condivisioni anche su altri social o sul sito web. Su questo spazio è possibile salvare, in questo caso pinnare, sul proprio board video o immagini, appunti fotografici in modo da poterli ritrovare facilmente, grazie alla suddivisione e all’identificazione degli interessi in categorie. Il board ricorda quelle bacheche di sughero in cui si appendevano cartoline, ritagli di giornale, foto, ricette e promemoria, per dare risalto ai ricordi più sentiti e sapere dove trovarli facilmente.

È percepito come una fonte d’ispirazione e per iniziare ad ottimizzare l’uso di tale piattaforma, soprattutto in ambito business, è fondamentale avere una strategia ben strutturata da cui partire. La prima cosa da considerare è quale funzione assegnare al canale, definendo gli obiettivi del content marketing, quali scopi raggiungere e infine studiare l’attività a livello editoriale.

Per raggiungere gli obiettivi è necessario che i contenuti siano di qualità. Su Pinterest hanno una durata più lunga anche di molti giorni, questo social è il più longevo, diverso dai pochi minuti su Twitter e le ore su Facebook. Per sfruttarne completamente il potenziale bisogna creare il contenuto giusto, che sappia emozionare, informare e divertire. L’obiettivo è diffondere il marchio, creare traffico sul sito e trasformare i follower in possibili consumatori.

Per le aziende in particolare è utile poiché consente di fare visual storytelling e veicolare i valori del brand attraverso scatti fotografici di alta qualità. Diversamente dai suoi cugini social, qui è possibile mostrare il core business aziendale con una comunicazione fatta solo di immagini. Grazie alla struttura del profilo la narrazione di una storia avviene attraverso foto, gif e video creando una maggiore opportunità d’interazione con gli utenti.

Il primo passo è pensare fuori dagli schemi per presentare la società in chiave visual con estro, creatività e fantasia. La condivisione di foto dello staff, di immagini divertenti relative al brand, iconografie e video con contenuti utili a coinvolgere la community e fare umorismo sulle proprie competenze sono suggerimenti applicabili alla strategia di social media marketing per garantire successo al canale.

Anche la SEO ha un ruolo fondamentale, per un piano di web marketing su Pinterest si richiede una particolare cura e un costante aggiornamento di alcuni dettagli. È importante infatti ottimizzare le descrizioni, scegliere delle keyword efficaci per migliorare la visibilità e la posizione nei motori di ricerca. Seguendo quest’ottica anche la denominazione delle board ha un’importanza strategica, in quanto ne comunica il contenuto e attira l’attenzione in modo immediato: se il titolo è poco chiaro, non realistico e troppo personale si rischia di perdere dei potenziali follower.

Pinterest può diventare un ottimo alleato per società, brand e aziende intenzionate a lasciare il segno. Dunque le imprese che puntano sulle sue potenzialità di brand awareness hanno la possibilità di ottimizzare il loro business. Internet è fatta sempre più di immagini che di parole e il successo dei visual social network come Pinterest ne sono la dimostrazione. Il web marketing, anche in ambito business, è sempre più visivo ed emozionale. La comunicazione visual dà origine a nuovi linguaggi ed espressioni, per diffondere significati comprensibili globalmente, senza distinzione. In fondo è sempre stato detto che un’immagine vale più di mille parole!

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.