Foursquare il grande protagonista della seconda #4sqconf

 

Finalmente ho trovato un po’di tempo per raccontare un evento che mi ha colpito molto: la seconda Conferenza dei Sindaci di Foursquare alias #4sqconf, tenutasi a Bologna esattamente una settimana fa, il 16 luglio, data da conservare nel calendario delle iniziative importanti per la nostra città.

Seconda #4sqconf

Location splendida e super moderna, attrezzatissima per un evento molto geek che si è dimostrato subito all’altezza delle aspettative, sicuramente rilevante anche a livello nazionale in grado di raccogliere esperti, studiosi, professionisti ma anche semplici appassionati di social network…e di Foursquare in particolare. I ticket per l’ingresso sono andati letteralmente a ruba e non esserci sarebbe stato un peccato capitale, visto poi che a Bologna ci abito e lavoro! Quindi tantissima gente, relatori preparati, qualche contributo di aziende che partecipano attivamente su Foursquare, il che non guasta … visto che l’obiettivo dell’evento è informare, aggiornare e promuovere l’utilizzo di questo strumento tra gli utenti e le imprese.

Panoramica della location Frassinago18

L’organizzazione è stata impeccabile d’altronde se ne sono occupati personalmente Francesca Fabbri, Roberto Cobianchi ,Tommaso Sorchiotti e tanti altri (lo staff  infatti è composto da dieci persone). Quelli che ho citato però li conosco personalmente e con Francesca ho anche avuto il piacere di organizzare recentemente la #twitpizzabo bolognese, per cui posso immaginare la dedizione e la passione che possono averci messo per preparare questo evento importante. E infatti hanno avuto ragione perché la seconda Conferenza dei Sindaci ha raccolto davvero un bel gruppo di analisti appassionati di Foursquare.  Insomma un evento ricco sotto tutti i punti di vista: contenuti, performance spunti e concedetemi anche spuntini (il coffee break e l’ape-cena sono stati fantastici).

Dopo questo preambolo che era necessario per raccontare l’aspetto mondano dell’evento, passo a quelle che mi sono sembrate le considerazioni più interessanti emerse durante tutto il dibattito, senza focalizzare l’attenzione su chi e perché le hanno fatte in quanto sono frutto di appunti sparsi scritti a mano e da me rielaborati. D’altronde non è stato facile seguire tutti gli interventi, fare foto, tweet, post su Facebook e quant’altro in salsa social senza perdere il filo del discorso!

A questo punto passerei quindi ai contenuti raccolti sperando che vengano in futuro approfonditi e che il dibattito su Foursquare continui con lo stesso entusiasmo e la stessa partecipazione nella terza #4sqconf…

La geolocalizzazione può sembrare una delle tante mode geek… ma Foursquare non può essere considerato una moda per il suo livello di diffusione e il tasso di crescita dimostrato in questi due anni di vita, oltre 10 milioni di utenti appassionati!

La geolocalizzazione è un’esigenza primaria dell’uomo che si è espressa in modi differenti nel corso dei tempi… è chiaro che ora siamo al massimo della sua rappresentazione!

Però proprio per questo la geolocalizzazione può essere considerata una feature di molti social network e questo può essere un punto di debolezza di Foursquare, il continuo sviluppo dei servizi LBS può costituire una minaccia per 4sq. Ciononostante a due anni dalla sua nascita Foursquare ha ancora molte potenzialità sempre che l’azienda voglia e abbia i mezzi per investire nel suo sviluppo!

Foursquare potrebbe essere molto adatto per le piccole medie imprese perché gli sforzi per gestire e monitorare la presenza su 4sq hanno un costo ridotto e in più le piccole organizzazioni hanno il vantaggio di una maggiore flessibilità interna. Nella realtà accade invece che siano i grandi brand ad utilizzarlo di più, ad avere pagine e badge. La semplice venue non dà infatti una grande visibilità, per avere maggiori risultati bisogna poter osare di più…e in effetti gli accordi con Foursquare alla fine li fanno i grandi, considerando che un badge può costare 25mila euro al mese per un investimento minimo di tre mesi. E’ emersa quindi l’esigenza che Foursquare dovrebbe fornire un  supporto alle piccole realtà che poi in definitiva costituiscono il tessuto sociale di molti paesi europei tra cui il nostro. Una scarsa attenzione alle piccole aziende può essere controproducente soprattutto se poi si vanno via via sviluppando alternative di concorrenti temibili…

E qui entrano in ballo Facebook Places (che però ha deluso le aspettative che lo vedevano in testa) e il neo entrante Google+. Quest’ultimo potrebbe davvero fare la differenza perché dispone indubbiamente della piattaforma più forte…il futuro si giocherà sui numeri e la capacità di proporre novità.

Certo che la forza di Fousquare è sempre stata la sua componente ludica, la capacità di coinvolgere l’utente in questo gioco di raccolta punti, badge e majorship…il badge resta ancora l’elemento principale per il 72% degli utenti.

La fedeltà è un altro aspetto importantissimo per Foursquare, il 59% degli utenti fanno almeno un check-in alla settimana…

Le aziende possono tener conto di tutti questi aspetti e sforzarsi di fare un uso creativo di questo SN, il coupon da solo senza la componente ludica spesso non funziona, oggi gli special si possono personalizzare e poi ancora le sole promozioni non creano engagement…lo storytelling attira molto di più.

Lato utente oltre ai check-in Foursquare dovrebbe incentivare il rilascio di tips e review così da fornire un maggiore servizio all’utente, rendendolo veramente indispensabile. 4sq potrebbe  inoltre aumentare le possibilità di far creare all’utente delle proprie mappature e qui entra in ballo tutto il complesso discorso delle API e delle limitazioni imposte dal social network agli sviluppatori di terze parti… ma qui mi piacerebbe intervenissero gli esperti del settore con le loro considerazioni…

To be continued…un ringraziamento ai Mimuli per averci dato l’opportunità di discutere e riflettere ad un livello decisamente alto sul futuro di Foursquare e sulle prospettive della geolocalizzazione…

 

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>